slide photobucket

contatore

Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 24 gennaio 2013

FRITTURA ARABA

Le frittelle di carnevale che preferisco e pure le più veloci da preparare, successo garantito. Apprese ad un corso di pasticceria 8-9 anni fa, sono una sorta di pasta choux che viene fritta nello strutto, farcita di crema pasticcera ed infine passata nello zucchero semolato. Ingredienti: 300 g. di acqua, 100 g. di burro, 150 g. di farina, 5 g. di lievito tipo bertolini (preferibilmente non vanigliato, di modo che possiate usare le frittelle anche con un ripieno salato, se vi va)e 5 uova. Un kg di strutto per friggere. Inoltre preparate 1/2 l. di latte di crema pasticcera e su un vassoio 100 g. di zucchero semolato. Mettete l'acqua sul fuoco e quando bolle versatevi il burro tagliato a piccoli pezzi regolari. Una volta sciolto il burro versate la farina, nel quale avete messo il lievito, e mescolate vigorosamente per qualche minuto, fino a quando nel tegame non si forma una bella palla di pasta. Spegnere il fuoco e far raffreddare la pasta. Fate incorpoare, uno alla volta, le uova (non incorporate il successivo se non ha ben assorbito il precedente. L'impasto dovrebbe risultare tipo una crema. Mettetelo dentro una sac à poche, e strizzate dei piccoli bignè di impasto, distanziandoli fra loro, su un disco di carta paglia, unto con poco strutto, del diametro del tegame che userete per friggere. Fate scaldare il kg di strutto e portatelo a 160-170°, prendete il disco con i bignè e adagiatelo con i bignè verso sotto dentro il tegame. La carta paglia si staccherà immediatamente e la toglierete con le pinze. Fate dorare mescolando di frequente e dopo pochi minuti togliete dallo strutto, fate sgocciolare e mettete su carta assorbente. Ora potete riempirli con la crema e farli rotolare nello zucchero semolato. Potete anche surgelarli vuoti e riempirli successivamente. Se volete farli salati il ripieno può essere fatto con ricotta e funghi, salmone, o besciamella e verdure, ortaggi ecc...

3 commenti:

  1. ehi, ti ringrazio di vero cuore, cercavo questa ricetta da alcuni anni ma non sono riuscita ad averla mai. Qui a Pesaro le bagnano nell'alkermes, penso siano le stesse, le chiamano castagnole ma sono pasta chou fritta, farcita con crema e bagnate nel liquore- Sono le frittelle di carnevale più buone che ho mai mangiato. Un bacione fortissimo

    RispondiElimina
  2. Maryyyyyyyyyyyyyyyyyyyy che bello trovarti e soprattutto..leggere la ricetta che cercavo a perda furriara, ciaoo e bacioniii.
    Luisa

    RispondiElimina
  3. Marian, anche se fuori tempo massimo, la proverò

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.